La L.N.I. gemellata con la Real Liga Naval Española


Roma, 21 febbraio – E’ stato firmato oggi, presso la sede della Presidenza Nazionale della L.N.I., un significativo
Protocollo d’Intesa tra la Lega Navale Italiana e la Real Liga Naval Española, accomunate dalla stessa passione per il mare.

Alla presenza dell’Amm. Div. Giuseppe Berutti Bergotto, Capo Ufficio Affari Generali dello Stato Maggiore della Marina Militare e del Col. Angel Fernandez Andres, Addetto Militare presso l’Ambasciata del Regno di Spagna in Italia, il Presidente Nazionale della L.N.I., Ammiraglio di Squadra (r) Maurizio GEMIGNANI e il Presidente Nazionale della R.L.N.E., Don Juan DIAZ CANO, hanno ufficialmente sancito lo stretto legame tra le due Associazioni.

In considerazione dell’assoluta similarità dei rispettivi scopi istituzionali, la L.N.I. e la R.L.N.E. hanno da tempo avviato, a livello regionale, un programma di attività comuni, come testimoniato dall’accordo di collaborazione firmato nel 2016 tra la Regione L.N.I. Lombardia – Triveneto e la Regione R.L.N.E. di Cantabria y Castilla y León.

A coronamento di tale percorso, l’accordo firmato oggi ufficializza la comune volontà di collaborare, estendendone gli effetti e le opportunità a tutte le rispettive strutture nazionali. La R.L.N.E. e la L.N.I. si impegnano pertanto a realizzare congiuntamente progetti e programmi mirati al conseguimento delle rispettive finalità istituzionali, le quali, come già sottolineato, sono in larga parte coincidenti.

L’impegno reciproco è quello di promuovere attività coordinate relative alla tutela del patrimonio culturale e sociale appartenente al mare ed alle popolazioni rivierasche, adottando, tra le altre, iniziative di formazione rivolte anche a giovani in età scolare – e in particolare ai disabili – in materia di educazione alla conoscenza, conservazione e rispetto della risorsa dell’acqua in generale e dei laghi, fiumi e del mare, in particolare.

“Si tratta di un documento semplice ed esaustivo allo stesso tempo – afferma l’Amm Gemignani – che reputo molto utile per entrambe le Associazioni per migliorare l’efficacia delle rispettive azioni attraverso il reciproco scambio di esperienze e di conoscenze, anche approfondendo nuovi ambiti e circostanze finora inesplorati. Un punto di partenza verso nuovi orizzonti, di importanza fondamentale per due Paesi così strettamente legati al mare.”

Gli ha fatto eco Don Juan Diaz Cano, il quale, nel richiamare le analogie storiche tra la R.L.N.E. e la L.N.I. – entrambe nate a cavallo del 1900 per ricostituire una “coscienza marittima” nazionale – ha sottolineato che “oggi, la Real Liga Naval Española è una rispettata istituzione marittima di pubblica utilità, che ha esteso i propri obiettivi istituzionali ben oltre le proprie frontiere, per il tramite della Federaciòn Internacional de Ligas Maritimas y Navales, della quale detiene la Segreteria Generale. In questa occasione – ha concluso il Presidente della R.L.N.E. – invitiamo la Lega Navale Italiana ad aderire a questo progetto, che riunisce tutti coloro che sono animati da buona volontà in favore del mare”.

La Delegazione della R.L.N.E. oltre al Presidente Nazionale, era composta dal Membro della Junta de Gobierno della R.L.N.E., Don Francisco Javier Aragόn Cánovas, dal Dott. Alberto Franceschi, Delegato in Italia della R.L.N.E. e dall’Avv. Giacomo Montanari, Responsabile della R.L.N.E. per il Centro-Sud Italia.

Da parte italiana, oltre al Presidente Nazionale della L.N.I. erano presenti il Vice Presidente Nazionale L.N.I., Contrammiraglio Piero Fabrizi, il Direttore Generale, Contrammiraglio Gabriele Botrugno, il Contrammiraglio Paolo Bembo, Direttore della Rivista “LEGA NAVALE”, il Delegato Regionale L.N.I. per la Lombardia e il Triveneto, Cav. Ennio Abate e il Capo Ufficio Comunicazione della Presidenza Nazionale L.N.I., Contrammiraglio Andrea Fazioli.


Nella foto 1, il Presidente Nazionale L.N.I. (a destra) e il Presidente Nazionale R.L.N.E. (a sinistra) ritratti dopo aver firmato il documento.
Nella foto 2, sono ritratti in occasione del tradizionale scambio di “Crest”.