Convegno Straulino 20 Dicembre 2014

 

La partecipazione di tutte le realtà sportive del golfo di Gaeta, e di rappresentanti di altissimo livello del mondo della vela italiana, quali il direttore sportivo delle Fiamme Gialle, il direttore sportivo della Marina Militare, il presidente onorario della FIV, nonchè uno dei più grandi velisti italiani di tutti i tempi, il presidente e il segretario della classe 29er Italia, ed infine del fondatore del più importante centro studi sulle tradizioni nautiche italiane, ha regalato a Minturno, per un pomeriggio, il ruolo di capitale della vela Italiana.

La storia è nota: cinque sezioni della Lega Navale hanno deciso di recuperare delle barche storiche di classe Star, la classe regina, olimpica dal 1936 al 2012 per insegnare ai giovani che si allenano sugli skiff (29er) e a tutti i ragazzi delle scuole, il valore della tradizione e la storia stessa della vela italiana, in onore dell'ammiraglio Agostino Straulino.
Dopo il saluto di Paolo Graziano - sindaco di Minturno - e di Spyros Mazarakis - Delegato della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana - è stata la volta dell'intervista, condotta da Gianfranco Simeone, a Carlo Rolandi, presidente onorario FIV, due volte campione europeo, vincitore di tantissimi titoli e nove volte olimpionico, anche in coppia con Straulino, alle olimpiadi Roma 60.

Lo storico Paolo Rastrelli, del CSTN, ha poi ripercorso la vita di Agostino Straulino, dal tragitto casa-scuola in barca a vela al fantastico 1952 - anno in cui vinse olimpiadi, mondiali, europei e italiani - all'uscita a vela del Vespucci dal porto di Taranto. I ragazzi del gruppo sportivo LNI-Vela Viva hanno poi intervistato il campione Italiano classe Star 2000, Luca Simeone, in un frizzante botta e risposta tra l'attualità e la tradizione: l'impertinente e simpaticissimo  Fabio Ricca (classe 2002) ha addirittura chiesto ad un divertito Luca Simeone "Cosa si prova ad andare su una barca cosi lenta".

Il dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo Minturno 1 Vincenzo D'Elia e il direttore tecnico della LNI Scauri Formia Luigi Montanaro hanno illustrato poi le attività e i progetti che Lega e Scuola conducono congiuntamente in favore dei giovani; Didier Jezequel ha risposto alle domande dei ragazzi sul papà Alain, uno dei più grandi progettisti navali di sempre scomparso nel 2012 ed ha mostrato il recupero di una Star condotto da due allievi sedicenni del gruppo vela LNI. Questo il diario di bordo dell'impresa:

“In data 28 e 29 luglio un equipaggio formato dal vice presidente della sezione di Scauri Formia Sergio Ianniello dal socio e fotografo della Sezione Didier Jezequel e da due giovani allievi del gruppo vela della sezione, Chiara Camerota e Jonathan Tresa, (entrambi classe 1998) è partito da Formia per recarsi a Ventotene dove ha preso in consegna dal presidente della sezione di Ventotene, Rodolfo Tonello, l'imbarcazione Carolina con a bordo l'albero di un lanzino da donare all'associazione Life.Carolina ed il suo equipaggio hanno lasciato il porto di Ventotene alle ore 10,55 del 28 luglio dirigendo la prua verso l'isola di Procida. In vista di Ischia un buon vento da ponente di 12/15 nodi ha permesso di aprire tutte le vele e spegnere finalmente il motore e di li fino a Miseno i due giovani allievi hanno potuto condurre l'imbarcazione bordeggiando al lasco ed esercitandosi in numerose virate in poppa.Passato capo Posillipo abbiamo rimesso motore per non giungere in ritardo all'appuntamento presso il Molosiglio ed abbiamo avuto una piccola avaria prontamente rientrata (surriscaldamento per mancanza d'acqua nello scambiatore dovuta a un difetto nel tappo). Alle 19,15 siamo entrati in Molosiglio accolti con il consueto grande calore dal nostromo della sezione LNI di Napoli sig. Pasquale De Angelis che ci ha indicato un posto libero dove ormeggiare sul molo centrale.Abbiamo poi incontrato il presidente dell'associazione Life, Stefano Lanfranco, a cui abbiamo consegnato l'albero del Lanzino ed il quale ci ha consegnato la Star "Bombalone", donata a Ventotene nell'ambito del nostro progetto per far coppia con la Star "Superfindus" della sezione di Scauri Formia.Dopo una pizza a Santa Lucia per placare la fame dei ragazzi alle 22,30 circa salpavamo verso Ventotene con la Star legata a poppa (equipaggiata con delle luci di via portatili secondo la regola 24 COLREG).I ragazzi hanno potuto quindi vivere anche l'esperienza della navigazione notturna nello splendido golfo di Napoli e tra le isole di Procida, Ischia e Ventotene.Alle 9,20 del 29/7 giunti nel porto di Ventotene provvedevamo con il presidente e gli allievi della LNI Ventotene all'ormeggio della Star Bombalone a fianco della Star Superfindus e terminavamo la giornata con un bel pranzo sociale presso la scuola vela della LNI Ventotene.Alle 17,45 l'equipaggio della sezione di Scauri Formia, salutato dagli allievi e dai soci della Sezione di Ventotene usciti per l'occasione nel Canale con tante e variopinte barche a vela, ripartiva con il traghetto per Formia concludendo così la splendida esperienza”.

Ritornando al convegno, Guido Maccarini, direttore sportivo della Sezione LNI Varazze e Stefano Lanfranco, presidente dell'associazione LIFE, hanno raccontato della Star Chimera (appartenuta a Straulino) che Varazze donerà alla LIFE e che i ragazzi delle case famiglia e del carcere minorile di Nisida riporteranno in vita restaurandola. Rodolfo Tonello e Stefano Mauro, presidente e direttore sportivo della Sezione LNI Ventotene, hanno descritto il centro di addestramento Star presso la sezione, con l'ausilio della foresteria e della splendida natura dell'isola.

Dopo la presentazione di tutti i ragazzi del gruppo sportivo doppi LNI-Vela Viva da parte del loro amatissimo allenatore Gianluca Barbato (una vera ovazione per lui) il presidente di Vela Viva, Paolo di Paola, ha raccontato cosa stanno realizzando insieme i due sodalizi con il progetto 29er nel golfo. Piergiorgio Muraro poi, segretario della classe 29er Italia e Stefano Cavallari presidente della classe 29er Italia, hanno aggiornato i ragazzi sulle iniziative di classe ed in particolare sul prossimo raduno nazionale dal 2 al 6 gennaio a Marina di Grosseto in cui la squadra LNI-Vela Viva porterà ben tre equipaggi.

Al termine del convegno il Comandante della Delegazione di Spiaggia di Scauri, Salvatore Sciaudone, ha portato agli ospiti il saluto del comandante della Capitaneria di porto di Gaeta Capitano di Fregata Cosimo Nicastro. Infine prima il Capitano (GDF) Enzo Di Capua, a capo del gruppo sportivo Vela delle Fiamme Gialle e poi il Capitano di Fregata Giuseppe Di Modica, direttore sportivo della Sezione Velica della Marina Militare Italiana hanno espresso il proprio apprezzamento per i due progetti congiunti della Lega Navale che unendo tradizione e attualità regalano opportunità ai giovani onorando nel migliore dei modi la memoria del più grande velista italiano di tutti i tempi nel centenario della sua nascita.

Al convegno oltre ai relatori erano presenti altri grandi nomi della vela italiana, a partire da Raffaele Giarnella presidente del Circolo Nautico Caposele, Giovanni Lombardi, a Capo del CICO 2010, Emilio Civita, past president Vela Viva ed allenatore optimist, gli assessori Luca Salvatore e Vincenzo Fedele ed il consigliere comunale  Maurizio Faticoni.

 


Clicca in alto su "link" per vedere tutti i video del convegno