A vela e in canoa sui monti di Amatrice

“Una volta tanto le promesse da marinaio vengono mantenute”. Scherzano i rappresentanti della Lega Navale Italiana che si sono ritrovati ad Amatrice grazie all’evento di solidarietà “Pro Amatrice”, portato avanti dalla Sezione L.N.I. di Rieti – Lago del Turano, grazie alla generosità dei soci di tante parti d’Italia.

“Dietro questa giornata – commenta soddisfatto l’Avvocato Giovanni Vespaziani, Presidente della Sezione reatina della Lega Navale – c’è tanta solidarietà, tanto sforzo e tanto entusiasmo dei soci. Fondi, sottoscrizioni volontarie, eventi sportivi, hanno permesso di contribuire alla causa. Abbiamo voluto essere concretamente vicini alla popolazione di Amatrice”.

“Oggi è un giorno importante” ha detto salutando i presenti il vice Presidente della Lega Navale Italiana Ammiraglio Piero Fabrizi, accompagnato dall’Ammiraglio Andrea Fazioli, dell’Ufficio Comunicazione. “Quasi un anno fa – ha aggiunto – la Lega Navale ha fatto una promessa alla città di Amatrice, una promessa che oggi viene mantenuta. Può sembrare strano vedere marinai impegnati in montagna. Ma al di là del valore della solidarietà che ci accomuna, il Presidente Nazionale ha voluto che lo rappresentassi qui oggi, a testimonianza della partecipazione di tutta l’associazione alla realizzazione di questo progetto, ideato e promosso con entusiasmo dalla Sezione di Rieti – Lago del Turano, ma subito adottato non solo dalle altre Sezioni più vicine, come S. Benedetto del Tronto e Marzocca, ma da tutti i soci della Lega Navale Italiana. Non a caso, in occasione della firma dell’accordo, abbiamo donato alla città di Amatrice un’ancora: un semplice simbolo marinaro, che per gli uomini di mare significa sicurezza, ma anche speranza. E’ un, seppur modesto, contributo al rilancio del territorio, una maniera concreta, come piace ai marinai, di essere vicini a chi ha bisogno. Ci piace pensare che quello di oggi sia un nuovo punto di partenza verso un futuro di mari calmi e venti favorevoli”.

Anche Maria Teresa Marinelli, Vicario dell’Istituto Omnicomprensivo, ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa: “Gli studenti sono stati molto contenti, si sono divertiti a provare il simulatore, lodevole l’iniziativa che rinsalda il legame con il territorio, che non offre solo le montagne, ma anche un lago da valorizzare attraverso il laboratorio nautico”.

L’iniziativa di solidarietà offre occasioni importanti anche per gli studenti del Liceo Sportivo Internazionale di Amatrice che potrebbero diventare istruttori e insegnare agli altri ad andare in barca, in kayak o in canoa, offrendo un richiamo sul territorio, rivolto non soltanto ai turisti, ma anche a chi, costretto ad andarsene, avrebbe ora una opportunità per tornare.

Ad accogliere i presenti, il Sindaco di Amatrice, Filippo Palombini con il Vice Presidente della Lega Navale Rieti – Lago del Turano, Fabio Piscicchia, che ha coordinato l’incontro, supportato dagli istruttori Francesco Targusi e Alessandro Caivano e dai guardia parco della Riserva Monti Navegna e Cervia.

Ad Amatrice, anche il delegato regionale del CONI Luciano Pistolesi con i rappresentanti delle Federazioni Italiane Canoa Kayak e Canottaggio.

di Daniela Melone