Giro d’Italia a vela 2015 - Diciassettesima tappa: Numana

LNI Nettuno Numana - Lo Sport

Alle 6,30 siamo già in officina: Peppe D’ANGELO ci ha indirizzati bene; riusciamo a porre rimedio al danno occorso ieri. Tornati in barca, però, il motore non vuole saperne di partire ed era del tutto prevedibile visto il tuffo in acqua: il carburatore ha aspirato acqua di mare. Di nuovo in officina, di nuovo spese extra non previste. È proprio in occasioni come queste che risultano essenziali le donazioni dei nostri amici. L’associazione Angolo Aperto, poco prima di partire, è riuscita a donare all’impresa una quota ed è con questa che oggi riusciamo a proseguire il nostro giro d’Italia a vela! Grazie Giordana!
Il primo miglio lo percorriamo a motore, per provarne l’efficienza. È un Suzuki 4 tempi 4 cavalli a benzina, prestatoci da Mauro Zecca, Presidente della Lega Navale di Pomezia (RM). Un amico di cui parleremo più volte; è stato lui ad instillare in noi il gusto delle lunghe navigazioni. Lui che ci affidò alcune tratte dell’impresa AENE, sulla rotta di Enea, nel 2006 e 2007.
Non so spiegare a parole la sensazione che si prova quando, finalmente spento il motore, la barca procede silenziosamente sospinta dal vento! È da provare. Il nostro obiettivo oggi è quello di raggiungere Numana, alle pendici del monte Conero, scalo tecnico deciso ieri sera, vista la necessità dell’intervento di manutenzione e l’avvicinamento di tempo instabile. Solo stamattina siamo riusciti a parlare con il socio Stefano e la Segretaria, ma avevamo inviato via mail il progetto Nettuno e i suoi scopi, e subito è stata offerta piena ospitalità all’equipaggio.
A 10 nm dalla meta incappiamo in un fortunale, pioggia battente, nessuna attività elettrica. Indossiamo le cerate, a bordo Luigi Ceci e Federico Aggio, eseguono le manovre in piena sicurezza, con l’abilità marinara che si acquista solo andando per mare.
L’equipaggio tutto è impegnato a turno nel monitoraggio dei marine litter, nessuno si esime, perché ci fa enorme piacere prenderci cura dei nostri mari.
Menzione d’onore al comandante dell’impresa, Maresciallo dell’esercito Fabio Romolo Ingrosso, che naviga ininterrottamente dal 30 Maggio.
Splendida serata in compagnia di Paola, Silvana, Nicola e cena sul mare … calore familiare!