Un altro successo dei velisti L.N.I.

Con un vento birichino che a volte faceva cucù dalle nuvole e altre volte dimenticava il suo dovere, dal 16 al 18 settembre si sono svolti a Desenzano del Garda i Campionati Italiani di vela della classe Hansa 303, che hanno visto la partecipazione di 11 equipaggi, tre dei quali provenienti da Gruppi Vela della Lega Navale Italiana.

L’evento, organizzato alla perfezione dal circolo Fraglia Vela Riva, ha avuto valenza sia sportiva che sociale, poiché queste piccole, ma tenaci imbarcazioni possono essere timonate anche da persone con disabilità anche gravi e, proprio per questo motivo, questa barca è tra le possibili candidate come classe paralimpica.  

Ma non per questo le regate sono state meno combattute, anzi. Come si può vedere nella foto a lato, la prima prova, svoltasi nel pomeriggio di venerdì 16, vedeva una acerrima battaglia per la prima posizione tra i genovesi Carrea-Canto (ITA 2698) del Gruppo Vela della Sezione L.N.I. di Genova Sestri e i locali Mantovani-Vit (ITA 2573) dell'Associazione Sportiva Fraglia Vela Desenzano, risoltasi a favore dei primi solo negli ultimi metri di percorso. La seconda prova prevista veniva annullata dal simpatico e baffuto giudice di regata pochi minuti dopo la partenza, per un nubifragio di incredibile violenza che suggeriva di trovare subitamente un sicuro approdo.

Si ritornava in acqua il giorno dopo, di mattina, e, con vento presente anche se a volte riluttante, i genovesi della Lega Navale di Sestri Ponente mettevano a segno altre due vittorie. Campionato finito, quindi? No, perché approfittando di alcuni errori commessi dai liguri, nella terza prova di giornata, svoltasi nel pomeriggio con vento restio a marcare presenza, i fragliesi Mantovani-Vit (Foto a destra) arrivavano primi, infliggendo a tutti gli altri regatanti distacchi veramente notevoli. 

La giornata di domenica, terza giornata di regate, vedeva un vento ancor più pigro che costringeva il Comitato di Regata ad accorciare la prima prova ed annullare la seconda. In questo regime di brezze sottili, Carrea-Canto avevano la meglio sugli indomiti Mantovani-Vit. Terzo in classifica generale l’equipaggio Stevanato-Lazzarin (F. V. Desenzano), sempre a ridosso dei primi.

Il neo campione italiano Enrico Carrea (Nella foto, insieme al suo "teammate" Sebastiano Canto) ha dichiarato: “E’ per me un grande onore aver partecipato e vinto questo campionato. Voglio condividere questo momento di grande gioia con Sebastiano Canto, mio splendido teammate, col presidente del mio circolo Antonio Bitti, con Antonio Puppo, Gianni Basso e tutti i volontari che ci aiutano nella nostra attività. Infine, anche un pensiero a tutti i disabili del gruppo vela del mio circolo che formano un gruppo veramente eccezionale. La mia vittoria la dedico a tutti voi.”

“Non è stata una passeggiata – afferma a sua volta Sebastiano Canto – abbiamo sempre sentito la pressione dei nostri avversari. Devo però dire che la barca è divertente e che ha una sua logica. Diciamo che è una barca di compagnia.”

Il successo dei velisti della L.N.I. è stato completato dal 6° posto di Andrea Fabac - Antonella Bernardi e dal 10° di Enrico Panzeri - Marco Nonis, entrambe della Delegazione L.N.I. di Pordenone-S.Vito.

Raccogliamo infine una dichiarazione di Marco Rossato, regatante e segretario di classe: “Sia pure tra tante difficoltà, il livello tecnico della classe sta crescendo e incominciamo ad avere una certa diffusione delle Hansa 303. Faccio i miei più sinceri complimenti ai neo campioni italiani invitandoli a tenersi pronti e organizzare nel 2018 il campionato a Genova o quanto meno in Liguria.”

Si ringrazia "Gufo Saggio" per l'articolo e la redazione di "Prima Zona News" per la pubblicazione