Premiati i vincitori del concorso “Leonardo 500”


Nella splendida sede del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono stati consegnati i premi ai vincitori del concorso “Leonardo 500 – Il genio, la natura, l’acqua e il mare”, bandito dalla Lega Navale Italiana in stretta collaborazione con il M.I.UR., al quale hanno partecipato oltre 20 istituti scolastici di tutta Italia e che ha visto coinvolti più di 100 concorrenti.

Degna conclusione delle celebrazioni per la “II Giornata Nazionale del Mare”, la cerimonia di consegna dei premi, in una cornice prestigiosa come la sala “Aldo Moro”, al di là degli aspetti formali e, se vogliamo, un po’ austeri del protocollo, si è trasformata in una vera e propria festa, grazie, soprattutto, alla presenza e all’entusiasmo dei ragazzi, dai più piccoli ai più grandi che, giustamente fieri, hanno voluto ritirare personalmente il premio, pur dovendo sopportare lunghi viaggi fino a Roma.

La cerimonia è stata aperta dai saluti del Dott. Paolo Sciascia del M.I.U.R., Dirigente dell’Ufficio III della Direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione, seguiti da quelli del Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Ammiraglio Maurizio Gemignani. Con le loro parole, entrambe hanno sottolineato come tutti i concorrenti, con le loro opere davvero pregevoli, abbiano centrato appieno lo scopo del concorso e abbiano colto lo “spirito leonardesco” del tema proposto.

E’ stata quindi la volta della Dottoressa Maria Costanza Cipulla, Docente dell’Ufficio III del M.I.U.R, che ha rimarcato gli scopi principali del concorso, che è stato ideato per portare nelle scuole l’amore per il mare, esperienza di vita importante, perché insegna il rispetto per l’ambiente, le relazioni con gli altri “membri dell’equipaggio” e a conoscere e rispettare le regole del mare, come quella di saper aspettare il vento favorevole.

Si è quindi svolta la premiazione dei vincitori, suddivisi per categorie di età:

Per la Scuola Primaria, è risultata vincitrice la classe II dell’I.C. “Giovanni Paolo II” di Numana (AN), che si è aggiudicata un corso di vela presso la Sezione L.N.I. di Numana. I ragazzi, che si sono distinti per il loro fresco entusiasmo, erano accompagnati dal Sindaco di Numana, Gianluigi Tombolini, dal Presidente della Sezione L.N.I. di Numana e, naturalmente, dagli insegnanti e dai genitori che, per nulla al mondo, si sarebbero persi una tale occasione, anche sopportando un viaggio non proprio riposante.

Per la Scuola Secondaria di I grado, i premi in palio erano tre e sono andati agli alunni della classe II dell’I.C. “Giosuè Carducci” di Gaeta (LT), che si sono aggiudicati 6 corsi di vela presso il Centro Nautico Nazionale L.N.I. di Sabaudia, all’alunno Luigi Bagalà della III C – I.C. “Francesco Pentimalli” di Gioia Tauro (RC) e all’alunno Carlo Pio Guerra della classe II B – I.C. “Libetta” di Peschici (FG) che potranno partecipare anch’essi al campus di vela presso il Centro Nautico Nazionale L.N.I. di Taranto. Anche in questi casi, la presenza dei Dirigenti Scolastici provinciali, della Presidente della Delegazione L.N.I. di S. Ferdinando (RC), del Vice Presidente della Sezione L.N.I. di Peschici e, soprattutto, del Sindaco di Peschici, Francesco Tavaglione, ha conferito un tono particolarmente solenne alla cerimonia.

Per la Scuola Secondaria di II grado, il premio, consistente in un imbarco sulle navi scuola della Marina Militare “Amerigo Vespucci” e “Palinuro”, è andato agli alunni Filippo Casillo e Giacomo Scanziani, della classe III B del Liceo Artistico “Giovanni XXIII” di Milano.
Infine, “Menzione Speciale” della giuria per il pregevole lavoro dell’alunno Sebastiano Del Duca, dell’Istituto Tecnico Nautico “Nino Bixio” di Piana di Sorrento (NA), cui è stato consegnato il “crest” della L.N.I.

A conclusione della giornata, i partecipanti si sono trasferiti nello splendido “Salone dei Ministri”, dove sono state illustrate le bellezze storico-artistiche del Salone, con i ragazzi attenti e interessati, orgogliosi, come si vede nella foto, di essere seduti al “tavolo delle riunioni”.